Microcosmo Alchimia e Spagiria


Nella Bottega della Natura di Essenze di Luce è arrivata una nuova linea di cosmetica naturale, il principio che sta alla base di tutta la linea è la presenza degli estratti e degli oleoliti spagirici, ottenuti da piante selvatiche raccolte da esperti erboristi.

È una linea cosmetica ed una realtà in cui ricerca, studio, sperimentazione e realizzazione, alchimia vegetale e pensiero si integrano negli operatori e collaboratori che la rendono operativa, mettendo al primo posto l’equilibrio straordinario della Natura.

Le materie prime utilizzate nei nostri prodotti sono di origine esclusivamente vegetale e, come profumi, vengono introdotti gli oli essenziali puri. Il principio che sta alla base di tutta la linea Microcosmo è la presenza degli oleoliti spagirici, ottenuti da piante selvatiche raccolta da esperti erboristi nelle aree incontaminate dell’Italia, considerando gli aspetti planetari, lunari e solari.

La nostra attività si è svolta all’inizio prevalentemente nel settore erboristico e fitoterapico. In seguito abbiamo deciso di creare un linea cosmetica totalmente naturale, studiata appositamente per un pubblico attento.

Oggi la sapienza e la tecnica spagirica tornano inalterate e, attraverso la Microcosmo, ci donano una cosmetica unica nel suo genere e nelle sue caratteristiche, nella consapevolezza che: “Per chi produce è indispensabile rispettare e amare la natura”. Microcosmo

https://essenzediluce.ch/wp/categoria-prodotto/microcosmo/

Spagiria

In Spagiria la materia è l’unione di tre principi chiamati: MERCURIO FILOSOFICO, ZOLFO FILOSOFICO e SALE FILOSOFICO.

Secondo la concezione alchemica e spagirica, tutto il mondo si mantiene attraverso la cooperazione di questi principi. Essi sono la trinità presente in ogni luogo e in ogni tempo.

Zolfo filosofico

Lo Zolfo filosofico è costituito dagli oli essenziali della pianta e notifica la presenza di un essere vegetale ed il suo essere individuo in un sistema complesso, la Natura. È dunque la caratteristica specifica e individuale di un vegetale.

Sale filosofico

Il Sale filosofico è contenuto nelle ceneri della pianta e quindi ne rappresenta la memoria strutturale. Rappresenta il corpo, la componente fissa e la forma. È la parte più pesante e solida del vegetale, che rimane anche dopo la calcinazione.

Mercurio filosofico

Il Mercurio filosofico, che più di ogni altra parte è dotato di volatilità.
Nelle piante è riferito alla linfa e quindi per esteso a tutta la parte liquida, compreso l’alcol che si produce per degradazione della cellulosa. È il portatore di vita poiché trasporta informazioni nutritive, infatti Mercurio è, mitologicamente, il dio che fa da messaggero tra dei e uomini, quindi simboleggia colui che mette in comunicazione.

“Come in alto così in basso” è la frase che porta a riconoscere nel lavoro di Microcosmo l’attuazione di un gesto di Amore: per questo viene dedicata cura e attenzione a tutti i fattori che lo caratterizzano.

Spagiria, la storia

La spagiria così come oggi è intesa prende ispirazione dall’alchimia, ma il suo scopo è quello di operare in un abito più simile a quello della chimica moderna. 
La Spagira ha origini antiche, che risalgono all’antico Egitto e passano per la mediazione araba, la tradizione cristiana fino a raggiungere il Medioevo. Cercando di dare valore all’alchimia Paracelso si preoccupò di dare forma alla spagiria, pratica volta alla preparazione di medicinali che più di altre ha connessioni con la filosofia alchemica. Questo chiarisce le ragioni per cui fu lui a dare forma scritta alla spagiria, introducendola in un mondo che stava iniziando a cambiare.
Paracelso descrisse il corpo umano come equilibrio dei tre Principi fondamentali (Mercurio, Zolfo, Sale) e la malattia come alterazione dell’equilibrio tra i movimenti dello Spirito Vitale, detto Archeo, e il Principio di Distruzione, detto Cagastrum, presenti nell’organismo umano sin dalla nascita.
La spagiria era la tecnica capace di estrarre da minerali, animali e vegetali sostanze atte a ripristinare gli equilibri corporei dei tre principi e i movimenti dell’Archeo, alterati dalle malattie.

Oleoliti Spagirici

L’oleolito è una semplice preparazione erboristica che prevede la macerazione di una pianta in olio, con conseguente estrazione dei principi liposolubili difficilmente estraibili con altri solventi.
Lo spagirista, rispettando i ritmi della Natura terrestre e celeste, opera estraendo anche alcuni “principi attivi” nascosti, attraverso tecniche specifiche come ad esempio la calcinazione.
Mediante esposizione alle radiazioni celesti e particolari manovre, lo spagirista cerca di esaltare le qualità energetiche che esprimono le virtù caratteristiche dell’anima della pianta.
Ne risulta un preparato ricco di principi attivi e capace di trasmettere le qualità energetiche insite nella natura di ciascuna pianta.

L’oleolito spagirico è così adatto al consueto trattamento attraverso la pelle, a una applicazione energetica sulle varie zone riflesse del corpo, come anche sui punti sensibili dei vari meridiani.

L’oleoliti spagirici vengono realizzati con piante selvatiche raccolte nelle zone incontaminate d’Italia, considerando gli aspetti planetari. Esse vengono raccolte nel momento balsamico, quando le loro qualità attive raggiungono l’apice dell’energia vitale. Poi per un periodo di due lunazioni, gli oli vengono scrupolosamente trasformati in elisir grazie agli insegnamenti della spagiria.
Fra tutti gli oli, quello di ricino è il più specifico per il derma e le sue disfunzioni, è quello maggiormente impiegato nella produzione di oleoliti.

Gli oleoliti si possono utilizzare puri, miscelati con creme o con gli oli vegetali.


Informazioni su Barbara

La cura per tutti i mali e i torti, le ansie, le sofferenze e i crimini dell'umanità sta in una sola parola: "amore". È la divina vitalità che produce e nutre la vita. A ciascuno e a tutti noi da il potere di fare miracoli se lo vogliamo. Lydia Ch

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *